Morto Stecchito: Patè di baccalà

Quando i suoi clienti in Una rete d'inganni forniscono ad Adriana una falsa identità , lei non sospetta nulla. Quando scoprirà la verità, rimarrà scioccata e considererà il Sig Lizzimorto stecchito”, definizione che riprenderà per soprannominare questa gustosissima pietanza, che ha come ingrediente principale un grande esempio di prodotto “stecchito”: il baccalà. Da consumare come aperitivo - tapas - su un crostino di pane fragrante – o cracker leggeri - e un buon bicchiere di vino bianco, secco o frizzante. Ottimo in ogni momento della giornata.

Ingredienti

300 gr di baccalà

1 grande spicchio d'aglio

Un rametto di prezzemolo tritato bene

1 patata piccola o ½ patata grande – circa 80 gr

½ litro di latte

1 litro d'acqua

120 ml di olio evo

sale q.b.

Procedimento

Mettete il baccalà in ammollo per 12 ore. Sostituite l'acqua Mettete ¼ di litro d'acqua e ¼ di latte a bollire in una pentola capiente e tuffatevi il baccalà tagliato a pezzi. Lasciate cuocere per circa 10 minuti. Ritiratelo e lasciatelo raffreddare. Pulitelo bene di eventuale pelle, lische o alette e ricavate soltanto la polpa. Nel frattempo, mettete a bollire in acqua salata separatamente la patata intera, finché sarà cotta e bella tenera dentro. Fate la prova con uno stecchino. Schiacciatela con una forchetta e lasciatela raffreddare. Scaldate l'olio leggermente e conditeci il baccalà. Coprite e lasciate almeno un'ora che il pesce assorba il sapore dell'olio. Preparate un pesto fine con l'aglio, il prezzemolo e un pizzico di sale -eventualmente un cucchiaio di lezione "pungente". Aggiungete a piacimento un goccio di succo di limone. Utilizzate un mortaio di marmo per un risultato ottimale. Aggiungete il pesto al pesce ed iniziate a mescolare gli ingredienti con una forchetta. Incorporatevi, un po' alla volta, la patata. Se la crema sarà rimasta ancora densa per il vs gusto, aggiungete qualche cucchiaio dell'acqua di cottura del pesce. Assaggiate e aggiustate di sale, se necessario.

Consigli Utili la salsa “morto stecchito” si conserva in frigorifero una settimana circa. Se non avete baccalà, potete acquistare merluzzo, ma dovrete aggiustare le dosi al peso – pesa di più perché bagnato, e pertanto avrete bisogno di maggior peso di merluzzo per gli ingredienti forniti - e farlo cuocere molto più brevemente in acqua salata. Se avete bisogno di qualche consiglio, chiedete ad Adriana.

Il baccalà o lo stoccafisso si conserva molto a lungo. Tenetelo presente si trovate qualche offerta.

Potete utilizzare anche cracker bianchi non salati, per la degustazione

In casa di Adriana è degustato sopra un crostino di pane bianco